1.1 Etimologia dell’espressione “Cartone Animato”

Tanto per cominciare l’espressione “cartone animato” non è totalmente corretta per esprimere questa forma d’ arte.

In linguistica, il processo secondo il quale attribuiamo ad un oggetto un termine nuovo che non esiste nel nostro vocabolario, viene chiamato “calco semantico“.

Così è avvenuto per la parola “cartone animato“. Alla parola cartone si è aggiunto il significato cartone animato (calco dall’inglese “animated cartoon“): film in cui il movimento è realizzato mediante la successione di differenti fasi, disegnate, dipinte e fotografate indipendentemente, un sinonimo del più tecnico disegno animato (animated drawing).

In realtà, però, la genesi di questo calco è molto tortuosa, e conduce il linguista a seguire molteplici passaggi.

Tutto nacque dal termine italiano rinascimentale “cartone” (1508), a sua volta derivato accrescitivo della parola carta, passato a indicarne la varietà di grammatura superiore, specialmente quella usata per i disegni preparatori di dipinti, vetrate, mosaici e arazzi (prenderà infatti anche il significato stesso di “disegno preparatorio”).

La parola, in un’epoca in cui la nostra penisola era all’avanguardia artistica, tecnica e culturale, passò alla vicina Francia, che la integrò generando il vocabolo carton, da cui nel 1671 deriverà l’anglosassone cartoon, lo stesso che proietterà un significato ormai completamente diverso e totalmente slegato dai tecnicismi cartieri sulla sua stessa radice etimologica: il nostro cartone. Giannalberto Bendazzi, nel suo saggio “Cartoons“, ha disdegnato la parola cartone animato come sinonimo di disegno animato.

A partire dal 1843 animated cartoon aveva preso ad indicare le vignette umoristiche pubblicate sulle riviste: un uso della Londra vittoriana, sulle pagine della pubblicazione satirica “Punch“.

Alla fine del XIX secolo, con l’invenzione del cinematografo Lumiére, si cominciò ad attribuire al significato inglese to animate un significato nuovo di movimento ed i primi cartoonist, come Winsor McCay e James Stuart Blackton, cominciarono a realizzare i loro film disegnati, vale a dire animated cartoon, ovvero “vignette animate“.

Ecco che si rivela una controindicazione semantica del termine.

E’ plausibile attribuire il termine animated cartoon o cartone animato a Bugs Bunny, poiché il contenuto umoristico e satirico permane sia nel significato della parola che nell’animazione del coniglio, ma ciò non può avvenire in animazioni a sfondo drammatico.

Un’altra incongruenza del termine cartone animato riguarda la parte tecnica del processo di animazione: non tutti i film d’animazione vengono realizzati tramite i disegni animati, anzi, i primi film animati venivano realizzati tramite pupazzi o altri materiali che approfondiremo nei capitoli seguenti.

Sarebbe quindi giusto optare per i termini animazione o film, facendo comunque parte del cinema d’animazione, o semplicemente cinema, perché questo è.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: